SUBSTRATI E TORBE

La trentennale esperienza consente a B4GREEN la migliore introduzione sul mercato dei prodotti di Torbe naturali, che con successivi processi industrializzati diventa materia prima per la produzione di substrati professionali per l’ ortoflorovivaismo.

FACCIAMO CHIAREZZA
Spesso si parla di torba fresata (milled) e torba da blocco (sod) ma pochi concoscono le reali differenze esistenti. Tecnicamente il sistema di raccolta condiziona il successivo impiego e proprio per questo è molto importante chiarire tutti gli aspetti legati all’impiego e commercializzazione di torbe diverse. MILLED PEAT (torba fresata) Questo sistema consiste nel raccogliere la torba tramite fresatura dello strato superficiale (i primi 1-2 cm) e successiva asciugatura. Grandi macchine aspiratrici raccolgono quindi la torba asciutta e la trasportano ai siti di stoccaggio e confezionamento. Quando il materiale è asciugato in modo veloce tramite raccolta per fresatura, le particolari cellule dello sfagno (il materiale vegetale di cui è composta la torba) dette ialiniche subiscono un irreversibile processo di rottura delle pareti cellulari che con la loro elasticità garantiscono alla torba l’effetto “spugna”. Le conseguenze sono lo scarso assorbimento dell’acqua e la ridotta capacità di reidratazione con marcata idrofobia (l’acqua scivola sulla superficie,senza penetrarvi). Spesso si ovvia a questo inconveniente aggiungendo agenti bagnanti (wetting agent) che però esauriscono velocemente la loro azione,soprattutto quando vengono aggiunti alla torba fresata. SOD PEAT (torba da blocco) La tecnica di raccolta consiste in scavo e successivo intaglio di blocchi di circa 60 kg che vengono lasciati sul campo per asciugare,perdendo fino a 40 lt di acqua. Questi blocchi richiedono un tempo di disidratazione fino a un anno,con la riduzione del contenuto di umidità dal 90% fino al 50-60%. Una volta che è stato raggiunto il grado di asciugatura necessario,i blocchi verranno trasferiti al sito di vagliatura e frazionamento e infine al confezionamento. Questo sistema preserva la struttura della torba e consente di raggiungere la migliore qualità possibile in relazione all’impiego futuro. Evidentemente la torba da blocco,la cui struttura è rimasta pressoché intatta,è adatta per la produzione di substrati dedicati alla produzione di piante a cicli medi e medio-lunghi,garantendo nel contempo un corretto rapporto aria/acqua e consentendo all’apparato radicale lo sviluppo omogeneo nel vaso. Naturalmente è possibile miscelare la torba raccolta con il sistema della fresatura con quella raccolta con il sistema a blocchi,nelle varie percentuali e nei diversi gradi di umificazione. I SUBSTRATI Nella produzione di substrati professionali è importante impiegare torbe da blocco. Le miscele che vengono selezionate dai nostri tecnici rispondono alle diverse esigenze produttive dei vivaisti in Italia. I substrati vengono spesso integrati con aggiunte di: -Sostanze minerali (argille,pomice,perlite,vermiculite) -Fertilizzanti (PG mix) -Agenti tampone -Ormoni radicanti naturali -Agenti bagnanti

La scelta dei migliori fornitori quali REKYVA da Lithuania, ZELTA ZEME da Lettonia e altri affidabili e certificati produttori, consente l’importazione e distribuzione di una vasta gamma di prodotti che spaziano dalle Torbe naturali bionde e scure, nelle diverse frazioni, fresate e da blocco, vendute tal quali o sapientemente miscelate per ottenere i migliori substrati per la orticoltura e la floricoltura specializzata.